Un esteso sistema frontale dal Canada alla Florida attraversa il nord America

L’affondo di una profonda saccatura di matrice artica sta tagliando in due, sotto il profilo meteo/climatico, gli USA, con gli stati centro-occidentali che tornano a fare i conti con il freddo e nevicate, mentre l’East Coast sta affrontando un breve ma intenso aumento termico, con valori che lungo la costa atlantica, dove spira una moderata ventilazione da S-SE e Sud, molto umida e tiepida. L’interazione di queste masse d’aria, oltre ad inasprire i contrasti termici fra l’East Coast e gli USA centrali, acuiranno pure l’avvezione di vorticità positiva che si svilupperà in seno all’ampia ondulazione ciclonica che taglierà in due il nord America. Sarà proprio questa avvezione di vorticità positiva a fabbricare il nuovo potente ciclone extratropicale pronto a spingersi in direzione del Quèbec e della penisola del Labrador nelle prossime 24 ore.

naIn queste ore il processo “baroclino”, in fase di attivazione nei medi e bassi strati, viene notevolmente approfondito dai sensibili contrasti termici che si verranno a creare fra le masse d’aria molto fredde, d’estrazione polare, che dal Canada occidentale scivoleranno fino agli USA centrali, con l’aria molto più mite e umida, di tipo sub-tropicale marittima, che dal Golfo del Messico risale fino all’East Coast, raggiungendo l’est del Quèbec e l’isola di Terranova, con l’isoterma di +5°C a 850 hPa che raggiunge la Nuova Scozia. In queste condizioni, lungo la linea di demarcazione fra i due flussi d’aria diversi fra loro (di origine polare e sub-tropicale), si genera una sensibile intensificazione della circolazione depressionaria nei medi e bassi strati al traverso della regione dei Grandi Laghi, con il successivo isolamento di una profonda ciclogenesi, sui 981 hPa, che tenderà a muoversi verso il Quèbec occidentale, apportando una severa fase di maltempo su tutto il Middle-West, con piogge e rovesci sugli stati di nord-est, mentre intense nevicate torneranno a colpire il Minnesota, il Michigan e il Wisconsin.

GFSOPNA06_9_2Nevicate che peraltro verranno accompagnate pure da venti anche intensi, nell’area dei Grandi Laghi, dai quadranti occidentali, e dai quadranti settentrionali sul Quèbec occidentale. Nei bassi strati è già presente un esteso sistema frontale, che dal nord della Florida si estende fino al Maine, attraverso un fronte freddo principale ben pronunciato, seguito da aria piuttosto fredda che nelle prossime ore scivolerà verso gli USA meridionali, favorendo lo sviluppo di temporali anche intensi, accompagnati da grandinate e forti raffiche di vento. Nelle prossime ore il profondo ciclone extratropicale, risalendo verso nord-est, si sposterà in direzione del Quèbec centrale, con un minimo al suolo piuttosto profondo, pronto a scendere al di sotto dei 975 hPa. Muovendosi in direzione dello stato canadese del Quèbec la profonda circolazione depressionaria riuscirà a intercettare un grosso nucleo di aria gelida in scivolamento dal Canada centrale.

GFSOPNA06_21_1Questo nucleo di aria gelida, proveniente dai Territori del Nord-Ovest (dove nei giorni scorsi i termometri hanno sfiorato i -50°C), spingendosi sullo stato canadese dell’Ontario, attraverso una sostenuta ventilazione da NO e O-NO, si inietterà all’interno dell’area depressionaria che verrà isolata dalla saccatura in affondo nel sud degli States. L’apporto di masse d’aria molto fredde, per non dire gelide, dalle latitudini artiche, favorirà rinvigorirà sensibilmente l’avvezione di vorticità positiva che contribuirà ad approfondire notevolmente la circolazione ciclonica, al punto da trasformarla in una profonda, con un minimo barico al suolo pronto a raggiungere un valore stimato di circa 965 hpa entro la tarda serata/notte di domani, ossia quando la profonda circolazione depressionaria dalle coste di Terranova si sarà spostata verso il mar del Labrador. Un minimo barico da capogiro, che oltre a rafforzare il “gradiente barico orizzontale” su tutto il Canada orientale, darà origine a intense tempeste da S-SE e SE che sferzeranno con forza l’Atlantico occidentale, l’isola di Terranova e il mare del Labrador, con venti fino a 100-120 km/h e onde alte più di 6-7 metri.

prog12hrIntensi e gelidi venti da O-NO e Ovest invece interesseranno gli stati dell’Ontario, la baia di Hudson, virando più da O-SO e SO all’altezza del Quèbec e della penisola del Labrador, dove le masse d’aria gelide provenienti dall’Artico canadese si scontreranno con l’aria molto più mite e umida in risalita dall’oceano Atlantico occidentale tramite impetuosi venti meridionali. I notevoli contrasti termici, fra il flusso mite pre-frontale oceanico e quello molto più freddo post-frontale, potranno dare origine ad un esteso corpo nuvoloso (composto da nubi prevalentemente avvettive) che dispenserà precipitazioni intense, anche a sfogo di rovescio. Nella giornata di domenica la profonda depressione, in uscita dalle coste di Terranova con un minimo stimato sui 965 hPa, si sposterà tra il mare del Labrador e l’Atlantico nord-occidentale, sfornando nuove furiose tempeste di vento che stavolta sferzeranno l’Atlantico occidentale, la Nuova Scozia, Terranova e le coste meridionali groenlandesi, che rischiano di essere investite da potenti bufere e forti mareggiate sulle coste, con onde alte anche più di 7-8 metri.

Annunci

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...