“Amphan” impatta sull’India nord-orientale come cat. 2, colpita l’area di Calcutta

Parzialmente indebolito, grazie ad un nuovo ciclo di sostituzione dell’occhio e all’aria secca in quota che cominciava a circondarlo a nord, il ciclone “Amphan” nel pomeriggio di ieri ha toccato terra sulle coste dello stato indiano del Bengala occidentale, nel tratto di costa appena a sud-ovest di Calcutta. La tempesta, come previsione, ha effettuato il “landfall” sulle coste del Bengala occidentale indebolita come ciclone di 2^ categoria sulla scala Saffir-Simpson, con venti medi sostenuti che hanno superato i 150-160 km/h, e raffiche di picco attorno l’occhio centrale fino ad oltre 170-180 km/h.

01B_201200sairFortunatamente “Amphan” ha toccato terra in un’area costiera dove sorgono le antiche foreste di mangrovie, che in queste circostanze riescono ad attutire gli effetti delle potenti mareggiate e della “storm surge”, che in queste ore sta interessando una parte della costa del Bengala occidentale. L’impetuoso moto ondoso ha anche scosso l’immensa mole di sedimenti sabbiosi presenti lungo i bassi fondali antistanti le coste dell’India nord-orientale, intorbidendo le acque per decine di chilometri dalla linea di costa, fino in mare aperto. Durante il “landfall” una ampia porzione della costa del Bengala occidentale è stata esposta a venti ciclonici davvero molto forti, prevalentemente da NE e E-NE, che hanno sradicato alberi e linee elettriche.

amphan-ciclone-ansa-1Salendo lentamente verso nord il ciclone si è rapidamente indebolito in una potente tempesta tropicale che nelle ultime ore ha sferzato la parte più orientale dell’area metropolitana di Calcutta. All’aeroporto internazionale di Calcutta, durante l’avvicinamento dell’occhio di “Amphan”, la pressione è sprofondata sotto i 977 hPa, mentre la città veniva spazzata da venti molto forti da Est e E-NE che hanno superato i 100 km/h. Le forti raffiche di vento hanno accompagnato le forti piogge che hanno assunto carattere torrenziale.

mimic-amphan-0045Z-5.20.20Ma venti molto forti non hanno risparmiato neppure le coste dello stato dell’Orissa, interessate dal passaggio delle bande più occidentali del ciclone. A Paradeep sono state registrate raffiche fino a 106 km/h, mentre l’accumulo pluviometrico totale nelle 24 ore ha superato i 208 mm. “Amphan” in queste ore, muovendosi gradualmente verso l’entroterra, si sta lentamente indebolendo in una intensa tropical storm, con una conseguente riduzione dei fortissimi venti.

MOV6-2.01BNonostante l’indebolimento i resti dell’ormai ex ciclone tropicale “Amphan” nelle prossime ore riusciranno a dispensare forti piogge e rovesci temporaleschi, anche particolarmente violente sulle aree più interne del Bengala occidentale e lungo il confine con il Bangladesh, dove sono attesi anche temporali violenti. Poi, nel corso del pomeriggio di domani, “Amphan” diverrà una modesta depressione tropicale, caratterizzata da una circolazione depressionaria ancora attiva nella media troposfera (500 hPa), che, giunta all’altezza del Bangladesh, verrà quasi del tutto assorbita dalle intense correnti occidentali che dominano nella media troposfera. Questo intenso flusso occidentale, taglierà di netto i resti dell’ex ciclone tropicale, agevolando una rapida dissipazione della struttura vorticosa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...